Il ricordo del maestro e poeta Vincenzo Alberto Di Noia di Salvatore Martire
domenica 16 febbraio 2014

Il ricordo del maestro e poeta Vincenzo Alberto Di Noia di Salvatore Martire

Il maestro Vincenzo Alberto Di Noia è' morto a Udine il 23 agosto 2013. Aveva 89 anni essendo nato a Tursi l'8 aprile 1924. Era insegnante elementare in pensione dal 1990, ma friulano d'adozione, avendo trascorso mezzo secolo di vita nel capoluogo friulano. Nella cattedrale di Tursi è stata fatta celebrare la messa degli "otto giorni" dai due fratelli e dalle due sorelle, che hanno voluto salutare in chiesa i parenti e gli amici accorsi numerosi, tra loro molti maestri e maestre di vecchia data.

Mons. Franco Cuccarese, arcivescovo emerito, nell'omelia ha raccontato di quando erano piccoli e giocavano insieme e poi ha ricordato una poesia scritta da Alberto dal titolo: "A Ntone" dedicata ad Antonio, che a quei tempi era il sagrestano della cattedrale, era cieco e saliva da solo le scale del campanile per andare a suonare le campane. Da giovane il maestro Alberto aveva vinto a Udine il concorso per insegnare nelle scuole Elementari e lì si era trasferito e aveva formato la famiglia.

Era il secondo di dieci figli. Il più grande era Giovanni, che per tantissimi anni è stato autista di scuolabus, ma lui, Alberto, era stato il primo a diventare un maestro, forse stimolato dal padre Diego, che per tantissimi anni era stato impiegato comunale nel municipio vecchio situato nel centro storico, dietro la chiesa di San Filippo. Dopo di lui due sorelle e il fratello Armando sono diventati maestri di scuola e hanno insegnato nelle scuole Elementari di Tursi. Alberto era sempre legato al suo paese natìo, ne conservava la nostalgia e ci ritornava spesso.

E così dal 1985 ha cominciato a scrivere poesie in dialetto tursitano e ne ha pubblicato alcune raccolte: "Nun uera turné ndret" (Non vorrei tornare indietro); "Frugando nei recessi della memoria"; "C'ete nd'u core" (C'è nel cuore); "Addù c'ète Sammaselle" (Dove c'è il cimitero Sammaselle). Poi ha pubblicato due volumi sempre di poesie, ma in italiano. 

I suoi versi scritti in dialetto sono stati sempre tradotti in italiano da lui stesso, imponendosi così come il massimo erede di Albino Pierro, almeno tra le migliaia di emigranti tursitani. Uno noto critico letterario lo ha definito così: "Può essere considerato uno dei grandi seguaci del poeta tursitano Albino Pierro, senz'altro il più prolifico finora con le sue raccolte in dialetto tursitano".

Bella la poesia "A Rocchino" dedicata a un suo amico e compagno di studi a Salerno, che poi era diventato avvocato. Belle anche la poesia "Madonna mèja d'Agnone" dedicata alla Madonna di Anglona e "A don Luigi Santamaria" dedicata al sacerdote di Tursi, vissuto negli anni '50 del secolo scorso.

Tornando al suo paese, avvertiva una sensazione: "A Udine, anche se ci viveva da tanti anni si sentiva un forestiero, ma quando tornava a Tursi, avvertiva lo stesso, la sensazione di essere guardato come un forestiero". Scrivere poesie è stato come allontanare questa sensazione e fissare per sempre i ricordi sulla carta, affidandoli ai posteri per sempre.

 

SALVATORE MARTIRE

 

Ci uéra i' èsse

ci uéra i' èsse ndrubbichète

addù  c'éte Sammaselle

ié da quarant' anne cundannéte

come chi c'éte ncarciréte.

Traduzione in italiano (fatta dall'Autore): Ci vorrei essere (titolo). Ci vorrei essere seppellito / dove c'è Sammasello / io da quarant'anni condannato / come chi è carcerato.

Piccolo commento - Il poeta ha il desiderio di essere sepolto nel cimitero di Tursi (a Sammasello, località o contrada, dove è stato costruito il cimitero), visto che sono quarant'anni che vive fuori dal suo paese (Tursi) e qualche volta si sente simile a chi sta in carcere e sogna di uscirne e ritornare al paesello natìo. (s.m.)

 

Madonna méja d'Agnone (Storia di una fede)

 Diciammille, Madonna méja d'Agnone

diciammille: i'érese Tu tanne

ca l'aspittàise a papà mèje

‘nfunne a chilla strèta radiose,

nu vialòne fiorite di ragge

ca chiuvìne come l'acque da u céhe?

"Aqquè àgghia scenne, dicìvete Giuuànne

quante i'èrete di fronte

a la chièsia tua d'Anglona

da chilla bbanne di Marone

ca da iummère porte supr' u colle.

Allè c'éte na Signora ca m'aspèttete! "

Traduzione in italiano (dell'Autore): Madonna mia d'Anglona (titolo). Dimmelo, Madonna mia d'Anglona / dimmelo: er Tu allora / che aspettavi mio padre / in fondo a quella strada radiosa / un vialone fiorito di raggi / che piovevano come l'acqua dal cielo?/ "Qui devo scendere, disse Giovanni / quando era di fronte / alla chiesa tua d'Anglona/ da quella parte di Marone / che dal fiume porta sopra il colle. / Là c'è una Signora che m'aspetta! "

Commento - Forse parla di un sogno. Forse pensa a suo fratello Giovanni e a suo padre, che non ci sono più. Il poeta parla di una visione: "Il padre Diego e il suo figlio primogenito Giovanni stanno viaggiando in macchina sulla strada che porta in località Marone (inizia dal bivio di Frascarossa, andando a destra, per sette chilometri, alla fine della quale c'è la salita che porta al Santuario di Anglona). Il padre dice al figlio Giovanni: "Fermati qui: salirò a piedi. Lassù c'è una Signora (La Madonna di Anglona appunto) che mi aspetta". Il poeta Di Noia,mette in luce la grandissima devozione che ha il popolo del suo paese natìo per la Madonna di Anglona, che è devota ai credenti e ai non credenti, purché siano tursitani. Mio padre (Antonio Martire) mi ha sempre raccontato, che quando venne chiamato alle armi nella Prima Guerra Mondiale del 1915/18, prima di partire per il Nord Italia, chiese alla Madonna di Anglona la grazia di ritornare vivo a Tursi, e fece voto di non mai bestemmiarla. Il poeta Alberto Di Noia, mostra con questa silloge tutta la sua fede mistica verso la nostra Madonna di Anglona, che è in un certo qual modo anche il simbolo della nostra identità turistana.  (Salvatore Martire)

 

A don Luigi Santamaria

Com' a nu deserte l'ànime

stummatine:

pure don luige s'hé lassete,

a mmì cumpagne dell'età cchiù belle,

di chille ca ti tràsene nd' u core

e di nu pezze po' s'impussissìne;

deserte l'ànime com' a Catredèhe

ca manche i figghie sue pòte accogghie,

com' a gghille

figghie e serve tuut' a vite.

Che duhòre, don Luige,

che duhòre granne

quante l'àgghie viste ‘a Catredèhe

cchi chille mure ‘npére annivrichète,

schèletre giajànte

‘nmenz' a nu nferne di carvune vruscète!...

Traduzione dell'autore stesso: A Don Luigi Santamaria. Come un deserto l'anima / questa mattina: / Anche don Luigi ci ha lasciati / a me compagno dell'età più bella / di quelli che ti entrano nel cuore / e di un pezzo poi s'impossessano / deserta come la Cattedrale / che neppure i figli suoi può accogliere / come lui / figlio e servo tutta la vita. / Che dolore, don Luigi / che dolore grande / quando l'ho vista la Cattedrale / con quei muri in piedi anneriti / scheletro gigante / in un inferno di carboni bruciati!...

Commento - La poesia è dedicata ad un prete don Luigi Santamaria, vissuto negli anni '50 del secolo scorso, che suonava l'organo in cattedrale e aveva creato negli anni '60 il primo coro della cattedrale, coro che cantò in occasione della consacrazione episcopale di mons. Michele Giordano, poi diventato cardinale di Napoli. L'organo a canne che era situato sopra l'altare maggiore, non c'è più. Andò distrutto dall'incendio della cattedrale nel novembre del 1988. (s.m.)

 

A Rocchino

Nun le sacce eccò t'agghie sunnète

Picca tempe fè.

Forse ci ha' passète d'aqquè

e m'hà salutete?

Mò l'agghie sapute, Rocchì,

e m'arricorde

ca ise di fùue, com'u vente:

nun t'hà firmate

proprie com'u vente

ca pàssete come tu hà passète.

Cchiù luntène i frète tue t'aspittàine,

e gghié, nd' sonne,

le sapìjé ca lore avìne morte,

come mò sacce eccò ise currenne.

Cuminné da me nun t'ha' firmete?

Nun t'arricòrdese u bene ca si uìme

Quante, zinne, nd ‘ u cunvitte di Salerne,'

chiangìme aunìte a' lontananze?

I' éreme bele nd' a divise c'u spadine,

come sime nd' u ritratte ca m'ha' dète

nda sta stète,

dicenne cchi na voce tutte ‘nganne:

"Mò tinille tu!"...

‘A memorie i' ète senza tempe,

e pure mò, da tanne,

tu si' cchimmé Bocchine di chill' anne.

Me ebbeccò, passanne,

tu nun t'ha' firmate?

Avisa i' da lore a ll' atu munne,

addù mò ié nun pozze i'?

Chi le sapete

Sti cose come vène!...

Traduzione fatta dall'Autore: Come mai non ti sei da me fermato?/ Non ti ricordi il bene che ci volevamo / quando, piccoli, nel convitto di Salerno/ piangevamo insieme la lontananza? / Eravamo belli nella divisa con lo spadino / come siamo nella foto Che m' hai dato / in questa estate / dicendo con la voce rotta in gola / "Adesso tienila tu" !... / La memoria è senza tempo / e pure adesso, da allora / tu sei per me Rocchino di quegli anni. / Ma perché, passando / non ti sei fermato? / Dovevi andar da loro all'altro mondo / dove ora io non posso andare? / Chi lo sa / come vanno queste cose! ...Il maestro Alberto Di Noia ha studiato nei salesiani a Salerno, assieme all'avvocato Rocco Vinciguerra. Probabilmente avevano sedici anni quando indossavano la divisa con lo spadino. Certamente sono stati i pionieri come studenti, visto che negli anni '30 e '40 la nostra Tursi era immersa nella civiltà contadina, e per i giovani di allora, la prospettiva era di diventare da grandi: jardinere, zappatore, putaturere, mietitore, muratore, fabbro ferraio, calzolaio, falegname, sarto o barbiere. (Salvatore Martire)

Quattro poesie di Vincenzo Alberto Di Noia, tratte dalla raccolta "Addù c'éte Sammaselle" (marzo del 1996, LA TIPOGRAFICA  - Matera).